Home » Ambiente

Ambiente

ambienteEMISSIONI IN ATMOSFERA: 

  • Campionamenti e analisi di microinquinanti (PCB, IPA, PCDD, PCDF) su impianti di cogenerazione a biomasse, termovalorizzazione e/o incenerimento
  • Campionamenti in continuo di sostanze organiche totali mediante analizzatore FID
  • Campionamenti in continuo di gas permanenti (CO, O2, CO2, CH4) mediante microgascromatografo a termoconducibilità (uGC-TCD)
  • Campionamenti in continuo di gas di combustione mediante analizzatore ad infrarosso e chemiluminescenza (HORIBA)
  • Verifiche in Campo ai sensi dell’Allegato 6 alla Parte V del D.Lgs. 152/2006 con la determinazione dell’Indice di Accuratezza Relativo (I.A.R.),  verifica di linearità, taratura misuratore di polveri, verifica del raggiungimento del Quality Assurance Level 2 (QAL2) secondo quanto previsto dalla norma UNI EN 14181:2005 per analizzatori per i quali tale attività è applicabile
  • Consulenza per l’espletamento di pratiche autorizzative ai sensi del D. Lgs.n°152/06

AMBIENTE ED IGIENE DEL LAVORO:

  • Campionamenti ed analisi in ambiente di lavoro per la determinazione di inquinanti di vario genere ai sensi del D.Lgs.n°81/2008
  • Rilevazioni di rumore interno (D.Lgs.n°81/2008), rumore esterno (Legge 447/95 e s.m.i.), vibrazioni (D.Lgs.n°81/2008) e campi elettromagnetici (D.Lgs.n°81/2008)
  • Controlli di qualità dell’aria in ambienti esterni  (qualità dell’aria in aree urbane ai sensi del D.M. del 2 aprile 2002 n.60) o indoor
  • Valutazioni di impatto ambientale chimico ed acustico

MONITORAGGI IN CONTINUO:

  • Monitoraggi in continuo di sostanze organiche volatili (composti clorurati e composti aromatici) e gas permanenti con tecnica di microgascromatografia a termoconducibilità (uGC-TCD)
  • Monitoraggi in continuo nel campo ospedaliero per la valutazione degli anestetici volatili aerodispersi con tecnica di microgascromatografia
  • Monitoraggi in continuo di sostanze organiche per la valutazione delle aree a rischio di esplosività in ambienti confinati, con tecnica di microgascromatografia a termoconducibilità (uGC-TCD)
  • Monitoraggi in continuo in ambienti esterni per la valutazione della dispersione di inquinanti tipici derivanti dal biogas e caratterizzazioni puntuali dai pozzetti di ispezione e da torce con tecnica di microgascromatografia a termoconducibilità (uGC-TCD)
  • Monitoraggi in continuo su emissioni in atmosfera per la determinazione dei composti organici totali (espressi come COT) con analizzatore FID
  • Monitoraggi in continuo per la determinazione dei gas di combustione (NOx, SOx, CO, CO2) con analizzatore HORIBA dotato delle seguenti tecnica analitiche: infrarosso non dispersivo (NDIR), chemiluminescenza, paramagnetica

VALUTAZIONE DI RISCHIO AMIANTO: 

  • Monitoraggi ambientali delle fibre di amianto aerodisperse
  • Analisi dei campioni di manufatti contenenti amianto in microscopia ottica a contrasto di fase (MOCF) ed in spettrofotometria infrarossa a trasformata di Fourier (FT-IR)
  • Valutazione del degrado superficiale delle coperture e/o pannellature in fibrocemento contenente amianto
  • Valutazione del rischio amianto secondo quanto richiesto dal D.M. 6/9/94 e s.m.i. sia per coperture in cemento-amianto che per coibentazioni

ACQUE: 

  • Utilizzo della tecnica di campionamento secondo metodologie ISO 5667-10-1992 per gli scarichi continui
  • Analisi chimiche su acque potabili ai sensi del D.Lgs.31/2001
  • Analisi chimiche su acque di falda secondo le metodologie stabilite dal D.Lgs.n°152/06 secondo metodologia ISO  5667-11-1993
  • Analisi chimiche su acque tecniche e caratterizzazione di corpi idrici superficiali
  • Consulenza per espletamento delle pratiche autorizzative per scarichi idrici, ai sensi del D.Lgs.n°152/06
  • Consulenza per espletamento dei piani di controllo ai sensi del D.Lgs.31/2001
  • Consulenza per la scelta e l’ubicazione dei piezometri per il monitoraggio delle acque di falda

SITI CONTAMINATI: 

  • Analisi chimiche di caratterizzazione del suolo e del sottosuolo
  • Campionamento di matrici solide
  • Campionamento dei pozzi piezometrici
  • Redazione del Progetto di Bonifica comprendente:
  1. piano di caratterizzazione
  1. progetto preliminare
  1. progetto definitivo

RIFIUTI: 

  • Analisi chimiche di caratterizzazione di rifiuti pericolosi, non pericolosi e inerti destinati allo smaltimento
  • Analisi chimiche di caratterizzazione di rifiuti per la valutazione dell’ammissibilità in discarica ai sensi del D.M. 3/08/05
  • Perizie sui mezzi di trasporto di rifiuti pericolosi o non pericolosi

ANALISI SU GAS E PRODOTTI VARI: 

  • Controlli di qualità su materie prime, intermedi e/o prodotti finiti
  • Analisi chimiche e tossicologiche su prodotti cosmetici quali:
  • Caratterizzazione quali – quantitativa di materie prime e prodotti finiti;
  • Valutazione di tossicità degli eventuali prodotti di combustione;
  • Determinazione della presenza di allergeni secondo la Direttiva CEE 2003/15/CE;
  • Analisi chimiche sui gas per l’impiego nell’industria alimentare e medicale
  • Determinazione del titolo percentuale di gas puri/tecnici compressi o liquefatti e di loro miscele
  • Analisi chimiche di impurezze presenti nei gas puri/tecnici compressi o liquefatti

ANALISI MICROBIOLOGICHE:

  • Analisi microbiologiche su acque potabili e reflue
  • Analisi microbiologiche su alimenti (materie prime, intermedi di lavorazione e prodotti finiti
  • Controllo microbiologico delle superfici per la validazione delle procedure di pulizia
  • Controllo microbiologico della qualità dell’aria (celle di stagionatura, celle di stoccaggio, di lavorazione etc)
  • Consulenza per la stesura del Manuale HACCP
  • Audit periodici

 

NORMATIVA ADR 

Offriamo una gamma completa di servizi indirizzati alle Aziende  in grado di risolvere ogni  vostra questione  fornendo servizi di alta qualità per quanto riguarda la formazione,  l’imballaggio e la consulenza sul trasporto e corretta gestione di  merci pericolose per le modalità di trasporto su strada (ADR) e ferrovia (RID)

Il continuo aggiornamento delle severe e restrittive norme  nazionali e internazionali che disciplinano il trasporto delle merci pericolose  può a volte rendere difficile spedire le vostre merci.

 

Sopralluogo preliminare

Il sopralluogo, consiste in un esame conoscitivo preliminare delle prassi attualmente adottate dall’azienda  per verificare se ricorrono i presupposti di nomina dello stesso secondo l’art. 11 Comma 2 del Dlg. del 27 Gennaio 2010 n. 35 (ex Dlgs 4 febbraio 2000. n. 40) o se ricorrono, invece, i presupposti di Esenzione parziale (Sottosezione 1.1.3.6) o totale (Sezione 1.1.3) previsti dall’Accordo A.D.R..

una relazione tecnica di valutazione sarà successivamente inviata all’azienda committente.

 

principali servizi di consulenza:

 

  • Assunzione dell’incarico di Consulente ADR/RID esterno alla vostra impresa
  • Assistenza telefonica e via e-mail
  • Corsi sulle diverse normative personalizzati in relazione alle necessità formative del personale aziendale presso la sede operativa del Cliente:
  • Aggiornamento Normativo
  • audit presso l’Azienda
  • Redazione e la manutenzione del Manuale delle Procedure ADR
  • Classificazione dei prodotti e dei rifiuti pericolosi ai fini del trasporto
  • Redazione di Schede per la spedizione di prodotti e rifiuti pericolosi e compilazione di Documenti di trasporto ADR/RID per il trasporto stradale e ferroviario delle merci pericolose
  • Piano di Security
  • Relazione Annuale
  • Relazione di incidente

 

Il Consulente per la Sicurezza del Trasporto esterno all’Azienda (D.Lgs. 35/2010 che abroga il D.Lgs. 40/2000)

 

Supporto completo alle aziende che vogliono nominare un consulente esterno:

il servizio comprende la delega per iscritto della responsabilità di Consulente per la Sicurezza del Trasporto (D.Lgs. n.35 del 27 gennaio 2010) ad un professionista titolare di certificato di formazione professionale CE rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

 

L’incarico come Consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose per strada e/o per ferrovia

comprende l’esame delle seguenti prassi e procedure relative alle attività dell’impresa, ed in particolare:

  1. Il rispetto delle norme in materia d’identificazione delle merci pericolose trasportate;
  2. valutazione, all’atto dell’acquisto dei mezzi di trasporto, di qualsiasi particolare requisito relativo alle merci pericolose trasportate;
  3. verifica delle attrezzature utilizzate per il trasporto o per le operazioni di carico o scarico;
  4. adeguata formazione del personale interessato dell’impresa;
  5. applicazione di procedure d’emergenza adeguate agli eventuali incidenti o eventi imprevisti che possano pregiudicare la sicurezza durante il trasporto di merci pericolose o le operazioni di carico o scarico;
  6. analisi e, se necessario, la redazione di relazioni sugli incidenti, gli eventi imprevisti o le infrazioni gravi costatate nel corso del trasporto delle merci pericolose o durante le operazioni di carico o scarico;
  7. attuazione di misure appropriate per evitare il ripetersi d’incidenti, eventi imprevisti o infrazioni gravi;
  8. presa in conto delle disposizioni legislative e dei requisiti specifici relativi al trasporto di merci pericolose, per quanto concerne la scelta e l’utilizzo di subfornitori o altri operatori;
  9. redazione di procedure operative ed istruzioni dettagliate per il personale incaricato del trasporto di merci pericolose, oppure del carico o dello scarico di tali merci;
  10. introduzione di misure di sensibilizzazione ai rischi connessi al trasporto, al carico o scarico di merci pericolose;
  11. verifiche volte a garantire la presenza, a bordo dei mezzi di trasporto, dei documenti e delle attrezzature di sicurezza che devono accompagnare il trasporto e la loro conformità alle regolamentazioni;
  12. redazione della Relazione Annuale.

» TORNA INDIETRO